Hotel a Barcellona

Culla, tra le altre culture e civiltà, della cultura catalana, testimone di grandi trasformazioni come, la Rivoluzione Industriale o la guerra civile, per citarne alcune tra le molte, Barcellona ha una storia affascinante. Conoscila!

Una passeggiata attraverso la storia di Barcellona
In epoca neolitica già vi era segno della presenza dell’uomo nel territorio di Barcellona. A fine del I secolo a.C. venne fondata come colonia romana con il nome di Barcino. Aveva circa un migliaio di abitanti ed era circondata da mura difensive i cui resti sono ancora conservati nel centro storico.

Per oltre 200 anni, Barcellona si trovò sotto il dominio musulmano, e con la riconquista cristiana divenne una contea dell’Impero Carolingio e la residenza abituale della Corona d’Aragona. Il fruttuoso periodo medievale trasformò Barcellona in un centro economico e politico del mediterraneo occidentale. Il Quartiere Gotico della città è prezioso testimone dello splendore che Barcellona visse tra il XIII e il XV secolo.

Ulteriori informazioni

Da quel momento, e fino al XVIII secolo, Barcellona visse una certa qual decadenza mentre lottava per mantenere la propria indipendenza economica e politica. Nel 1714questa lotta culminò con la caduta della città nelle mani delle truppe borboniche. A quell’anno si ascrive la perdita dei diritti e dei privilegi della Catalogna e dei catalani.
A metà del XIX secolo, con l’arrivo della Rivoluzione Industriale e con lo sviluppo, soprattutto, del settore tessile, ebbe inizio un periodo di rinascita culturale. Si tratta della Renaixença (Rinascimento), un periodo durante il quale la lingua catalana si rinnova come lingua letteraria.

Il XX secolo dà l’avvio anche ad una grande trasformazione urbanistica nella città di Barcellona culminata con il suo caratteristico Quartiere dell’Eixamplein cui si trovano alcuni degli edifici più caratteristici di Barcellona, simboli del modernismo catalano. Uno degli architetti più noti di questo periodo è stato il catalano Antoni Gaudí, autore di opere internazionalmente note come la Casa Milà (O Pedrera), la Casa Batlló o la chiesa della Sagrada Família.

Le libertà conquistate in questa fase vennero sostanzialmente sospese durante la Guerra Civile, nel 1936, e la successiva dittatura. Con il ripristino della democrazia, nel 1978, Barcellona riconquistò la propria forza sull’economia e sul catalano. La celebrazione dei Giochi Olimpici nel 1992 condusse alla rivitalizzazione del potenziale di Barcellona e alla riaffermazione del suo essere capitale.
Nel 2004, l’organizzazione del Forum delle Culture condusse al recupero di zone industriali, che divennero quartieri residenziali. Un esempio del rinnovato vigore con cui il Barcellona guarda al XXI secolo.

Culla, tra le altre culture e civiltà, della cultura catalana, testimone di grandi trasformazioni come, la Rivoluzione Industriale o la guerra civile, per citarne alcune tra le molte, Barcellona ha una storia affascinante.

Ulteriori informazioni

In epoca neolitica già vi era segno della presenza dell’uomo nel territorio di Barcellona. A fine del I secolo a.C. venne fondata come colonia romana con il nome di Barcino. Aveva circa un migliaio di abitanti ed era circondata da mura difensive i cui resti sono ancora conservati nel centro storico.

Per oltre 200 anni, Barcellona si trovò sotto il dominio musulmano, e con la riconquista cristiana divenne una contea dell’Impero Carolingio e la residenza abituale della Corona d’Aragona. Il fruttuoso periodo medievale trasformò Barcellona in un centro economico e politico del mediterraneo occidentale. Il Quartiere Gotico della città è prezioso testimone dello splendore che Barcellona visse tra il XIII e il XV secolo.

Da quel momento, e fino al XVIII secolo, Barcellona visse una certa qual decadenza mentre lottava per mantenere la propria indipendenza economica e politica. Nel 1714questa lotta culminò con la caduta della città nelle mani delle truppe borboniche. A quell’anno si ascrive la perdita dei diritti e dei privilegi della Catalogna e dei catalani.
A metà del XIX secolo, con l’arrivo della Rivoluzione Industriale e con lo sviluppo, soprattutto, del settore tessile, ebbe inizio un periodo di rinascita culturale. Si tratta della Renaixença (Rinascimento), un periodo durante il quale la lingua catalana si rinnova come lingua letteraria.

Il XX secolo dà l’avvio anche ad una grande trasformazione urbanistica nella città di Barcellona culminata con il suo caratteristico Quartiere dell’Eixamplein cui si trovano alcuni degli edifici più caratteristici di Barcellona, simboli del modernismo catalano. Uno degli architetti più noti di questo periodo è stato il catalano Antoni Gaudí, autore di opere internazionalmente note come la Casa Milà (O Pedrera), la Casa Batlló o la chiesa della Sagrada Família.

Le libertà conquistate in questa fase vennero sostanzialmente sospese durante la Guerra Civile, nel 1936, e la successiva dittatura. Con il ripristino della democrazia, nel 1978, Barcellona riconquistò la propria forza sull’economia e sul catalano. La celebrazione dei Giochi Olimpici nel 1992 condusse alla rivitalizzazione del potenziale di Barcellona e alla riaffermazione del suo essere capitale.
Nel 2004, l’organizzazione del Forum delle Culture condusse al recupero di zone industriali, che divennero quartieri residenziali. Un esempio del rinnovato vigore con cui il Barcellona guarda al XXI secolo.

Oriente

Arenas

Mesón castilla

Tres Torres

Barcellona è facile con la nostra Super Guida

Andiamo a narrarti alcuni segreti, affinché tu non abbia alcun dubbio sul fatto che questa è la città che devi visitare.

Barcellona capitale del Mediterraneo

Barcellona è un punto di riferimento in termini di turismo essendo una delle 10 città più visitate al mondo nel 2016. Barcellona si caratterizza per il suo cosmopolitismo e il suo carattere mediterraneo. La sua architettura, le sue tradizioni e la sua cultura la rendono unica e magica.

 

Arrivare a Barcellona

Le vie di comunicazione alla volta di Barcellona sono diverse ed efficaci. L’Aeroporto di Barcellona – El Prat con i suoi due terminal ha voli da molte destinazioni. Il Porto di Barcellona o le moderne stazioni ferroviarie offrono alternative fantastiche per giungere dall’Europa o da altre città spagnole.

Giungere via terra è anch’essa un’opzione percorribile dal momento che esistono varie vie d’ingresso alla città per coloro che preferiscono arrivare in autobus, automobile o moto.

 

Spostarsi all’interno della città

Gli spostamenti in città non sono un problema a Barcellona. Le sue numerose linee di trasporto pubblico ti portano ovunque. La metropolitana, le ferrovie della Generalitat e i treni non solo consentono di spostarti in Barcellona, ​​ma in tutta la provincia con rapidità. Se invece preferisci i panorami, il tram, l’autobus o il taxi ti saranno d’aiuto per spostarti con facilità.

Se desideri utilizzare i trasporti pubblici esistono diverse tipologie di abbonamento: ce ne sono di giornalieri, e di integrati, che includono diverse tipologie di trasporti pubblici e gli speciali, grazie ai quali viaggiare ti risulterà più economico.

 

Feste a Barcellona

La festa della Mercè che si tiene intorno al 24 settembre, è la più grande festa della città, nel corso della quale scenari e attività occupano la città con spettacoli e concerti.

La festa di Sant Jordi, il 23 aprile, è una delle celebrazioni cittadine più belle da vivere. Il giorno della rosa e del libro veste Barcellona di rose e soste con libri, firme degli scrittori più popolari del momento e un ambiente ricco d’amore.

Le Feste di Gracia, vestono le vie del Quartiere de Gracia con spettacolari decorazioni durante una settimana in cui tutti le possono visitare.

Durante tutto l’anno si svolgono feste nei diversi quartieri della città.

 

Quartieri e luoghi da non perdere

Quartiere Gotico

Situato nel centro della città, il bellissimo Quartiere Gotico con il suo labirinto di strade e piazze offre mille angoli da scoprire. In esso si possono trovare antiche vestigia della città come i resti della cinta muraria o facciate affascinanti.

Vi si trova anche la Cattedrale di Barcellona in stile gotico catalano costruita nel XIV secolo.

Plaza Sant Jaume che ospita il municipio di Barcellona e il palazzo della Generalitat de Catalunya è uno splendido spazio aperto che non puoi mancare di visitare. A pochi minuti si può trovare la Plaza Real vicina alle Ramblas, in stile neoclassico, piacevole e vivace.

A Plaza del Rey troviamo il museo di storia della città insieme ad edifici di epoca medievale.

Nel Quartiere Gotico potrai trovare anche la via commerciale del Portal de l’Angel o il Quartiere Ebraico.

El Raval

Situato tra Las Ramblas e Poblesec, il quartiere di El Raval è una zona storica, verace, piena di vita e personalità. Spiccano il suo multiculturalismo, la sua moltitudine di studi artistici, gallerie e librerie.

Sempre nel Raval si possono trovare anche il MACBA (Museo di Arte Contemporanea di Barcellona), il CCCB (Centro di Cultura Contemporanea di Barcellona), la Rambla del Raval o la Filmoteca de Catalunya.

Il Mercat Obert del Raval è una fiera di giovani disegnatori urbani e di artigiani indipendenti che si tiene nel Raval ogni fine settimana, con espositori e punti vendita in strada.

L’Eixample

Il Quartiere dell’Eixample è diviso in due dal Paseo de Gracia. Conserva una struttura quasi simmetrica progettata sul finire del XIX secolo da Ildefons Cerdà.

Si tratta di un quartiere per lo più residenziale, benché vi siano zone commerciali, come il Paseo de Gracia stesso, in cui spiccano anche le opere di Art Nouveau tipiche di Barcellona.

Nello stesso quartiere si trova il Paseo Sant Joan, che inizia dall’ Arco di Trionfo e termina all’ingresso del Quartiere de Gracia.

Les Corts

Il Quartiere di Les Corts, nella parte alta della città, è una zona tranquilla ed elegante. Si tratta in larga parte di una zona residenziale, ma dispone anche di zone nel quartiere che meritano una visita come i giardini della maternità, un parco con edifici modernisti in cui si può passeggiare.

Inoltre, nello stesso quartiere, si trova il Camp Nou, lo stadio del Barcelona F.C., in cui migliaia di tifosi si riversano ad ogni partita. A fianco allo stadio si trova il Museo del Barcelona F.C., il più visitato della Catalogna.

Gracia

Situato nella parte iniziale del Paseo de Gracia, Gracia era un’antica cittadina, per questa ragione ai giorni nostri il suo nome completo è Quartiere Vila de Gràcia.

Si tratta di un quartiere dal carisma speciale, il suo cosmopolitismo, il suo ambiente bohémien e l’atmosfera di quartiere ricordano una piccola città all’interno della città. Gracia è uno spazio ricco di cultura, creatività e di una gran varietà di artisti.

I molteplici luoghi di incontro fanno sì che le persone si riuniscano in strada a parlare e a passeggiare attraverso le sue affascinanti viuzze.

Se ti ci rechi verso la metà di agosto, non puoi perderti le Fiestas de Gràcia.

Poblenou

Il quartiere del Poblenou si trova vicino al mare, la sua rambla, che giunge fino alla spiaggia di Bogatell, è piena di vita grazie ai suoi amichevoli abitanti e alle sue terrazze. Vi si possono trovare le antiche vestigia del suo passato industriale come le ciminiere di vecchie imprese che si trovavano nel quartiere.

Oggigiorno il Poblenou è un quartiere emergente, ricco di creatività, di artisti che hanno acquisito gli antichi spazi e li hanno trasformati in spazi nuovi, pur mantenendone l’essenza.

Nel Parco del centro di Poblenou si trova il famoso distretto 22@, un’area dedicata ai nuovi settori dell’economia e della tecnologia. Il Parco è anche uno spazio fantastico per svolgere attività fisica o semplicemente fare una passeggiata e osservare le diverse opere che vi si trovano.

Le Ramblas

Le Ramblas meritano un discorso a parte dal momento che si tratta di uno degli assi principali della storia della città. La loro estensione di 1,2 km unisce Plaza Catalunya con il Port Vell. Alla loro destra troviamo il Raval e alla loro sinistra il Quartiere Gotico.

Si tratta di una passeggiata pedonale, ricca di terrazze, bancarelle di fiori ed artisti di strada che danno spettacolo per intrattenere i viandanti.

Sempre sulla Rambla si trovano il Teatro del Liceo o il caratteristico Mercato della Boqueria.

Sulle Ramblas potrai pernottare nel nostro fantastico Hotel Oriente Atiram.

 

Gaudí e Barcellona

Quando si visita Barcellona non ci si può dimenticare di visitare le magnifiche opere di Gaudí che popolano la città.La cattedrale della Sagrada Familia nel quartiere che porta il suo nome non potrà lasciarti indifferente, benché non sia stata portata a compimento. Il Parc Güell che si trova nella parte alta di Barcellona è uno spazio straordinario ricco di dettagli impressionanti. Le altre opere quali La Casa Milà (la Pedrera), la Casa Batlló, il Palau Güell, la Torre Bellesguard (Casa Figueras), i lampioni di Plaza Real, la Casa Vicens, la Casa Calvet, la Finca Güell, il Collegio delle Teresiane o il Portal Miralles, sono anch’esse imprescindibili se fai un Itinerario Güell. Visita il nostro post sull’Itinerario Gaudí per conoscere più a fondo la sua opera e il miglior modo per visitarla.

 

Mercati

I mercati di Barcellona sono una sosta obbligata, uno dei più impressionanti è il Mercato La Boqueria, che si trova a metà della Rambla. Vi si possono trovare prodotti della miglior qualità provenienti da tutto il mondo. Nel contempo, si tratta di un mercato in cui si può godere di una cucina variegata e di alta qualità.

Il mercato di Santa Caterina o il mercato del Born, più piccoli e discreti della Boqueria, offrono anch’essi diversi punti di ristoro gastronomico e squisiti prodotti locali.

A Barcellona possiamo trovare oltre 40 mercati, sia giornalieri che settimanali, esci e scoprili.

 

Barcellona per famiglie con bambini

Cosmocaixa è il museo della Scienza di Barcellona, ​​in cui bambini e adulti potranno divertirsi con mostre interattive e attività incredibili.

Il parco di divertimenti Tibidabo corona la città dalla sua sommità, un parco in cui potrai trovare divertimento non-stop e panorami spettacolari.

El Aquarium de Barcelona situado en el Port Vell tiene 11.000 animales y 450 especies distintas. Este está dividido en distintos acuarios dónde descubriréis los distintos tipos de fauna marina del planeta.

L’ Acquario di Barcellona situato nel Port Vell conta 11.000 animali e 450 specie differenti. È suddiviso in distinti acquari in cui potrai scoprire le diverse tipologie di fauna marina del pianeta.

Anche nei teatri cittadini troverai spettacoli per i più piccoli, come I musicanti di Brema al Gran Teatro del Liceo.

Uscire la sera?

La vita notturna di Barcellona offre un ampio ventaglio di possibilità. Terrazze sulla spiaggia sul lungomare, discoteche al porto olimpico come Opium Mar, Shoko o Catwalk, sale da concerto come la Sala Apolo o la Sala Razzmatazz o luoghi con ambienti più alternativi come la calle Marina. È inoltre possibile trovare una vasta gamma di music bar nei quartieri del Born e del Raval con locali curiosi come La Ovella Negra.

 

Barcellona gastronomica

Parlare della gastronomia di Barcellona è sempre un piacere, grazie alla sua ampia offerta di possibilità.

In città troviamo oltre venti ristoranti con stelle Michelin, che provano quanto radicata sia la cucina nella cultura locale. Nonostante questo radicamento troviamo ristoranti di alta qualità e di ogni tipologia.

Dai ristoranti giapponesi memorabili come il Koy Shunka o il Miu fino a quelli italiani di alto livello come il Da Greco o la Bella Napoli.

Non possiamo non nominare il nostro fantastico ristorante presso l’Hotel Tres Torres, situato nella zona alta di Barcellona, ​​con cucina moderna e di avanguardia, così come ristoranti che nascono dalle fusioni culturali, come l’Ikibana.

Se preferisci goderti un pasto in piedi puoi sempre farti un giro al Quartiere de Gràcia in cui troverai esercizi di take away con molte tipologie di cucine.

Non puoi lasciare Barcellona senza provare: il Pan con tomate, la coca de recapte, la escalibada, i calçots con salsa romesco, la butifarra con mongetes o la crema catalana.

A Barcellona anche la cucina vegetariana è in forte espansione, ristoranti come Il Teresa Carles, il Bendita Helena, La Riera, Arco Iris o Raso Terra nel Quartiere Gotico offrono menù vegetariani di alta qualità.

Pin It on Pinterest